Cinema

Napoli Film Festival, focus su emigrazione e fuga da guerre

Al via il Napoli Film Festival, focus su emigrazione e fuga da guerre
Il Napoli Film Festival e' organizzato dall'Associazione Napolicinema con il sostegno del MIBACT e il patrocinio Ambassade de France, MIUR, Regione Campania Assessorato promozione e sviluppo del Turismo, Eunic (Europea Union National Institutes for Culture)

Il tema del confine, tra la fuga dalla guerra e l'emigrazione, è al centro della XVIII edizione del Napoli Film Festival che da oggi al 2 ottobre assegnerà i Vesuvio Awards. Il concorso internazionale 'Europa and Mediterraneo', cuore del festival diretto da Mario Violini, presenta cinque film europei provenienti per lo piu' da nazioni cinematograficamente 'poco visibili' in Italia (Malta, Serbia, Grecia, Turchia), storie appassionanti sulle difficoltà di vivere nelle zone che sono o sono state teatro di guerra, di integrazione e di emarginazione. I film, tutti inediti in Italia (con l'eccezione di 'Enclave' di Goran Radovanovic, miglior film al Bergamo Film Meeting 2016), saranno proposti all'Institut Francais de Naples in versione originale sottotitolata in italiano. Il coordinatore generale del festival Giuseppe Colella, presiederà la giuria composta dagli studenti dalle scuole di cinema della Campania.
Nella sezione Nuovo Cinema Italia, cinque lungometraggi selezionati quest'anno dalla redazione di CinemaItaliano.info con l'obiettivo di proporre interessanti titoli non distribuiti o circolati solo in poche copie. Tre i documentari scelti, 'Wide Blue Delivery' di Alessandro Cattaneo, realizzato a bordo di un mercantile in giro per il mondo, 'L'ombelico magico' di Laura Cini, che mostra il rapporto insolito tra un'anziana e una sua potenziale giovane erede e 'Non voltarti indietro' di Francesco del Grosso, un intreccio di storie di vite travolte dalla giustizia che sbaglia. Due invece i lunghi di fiction, 'Al di la' del risultato' di Emanuele Gaetano Forte, ritratto ironico e malinconico di un gruppo di giovani universitari di Formia e Montedoro di Antonello Faretta, racconto elegiaco in una Lucania meravigliosa. Lo storico del cinema Giuseppe Borrone presiederà la giuria studentesca. Per SchermoNapoli, nella sezione corti si presentano 43 titoli, tra cui 'Stanza 52' di Maurizio Braucci, gia' in Concorso a Venezia in Orizzonti, e la prima prova da regista di Rosalia Porcaro con 'Mamma' e di Peppe Lanzetta, in collaborazione con Francesco Veloà', con 'Le stravaganze del conte'.
SchermoNapoli Doc propone 17 titoli in una sezione variegata che spazia dalle opere sperimentali alle inchieste giornalistiche.