L'operazione dei carabinieri

Caivano, operazione antidroga dei Carabinieri al Parco Verde: una casalinga finisce in manette.

Sgominato una sorta di supermarket dello stupefacente dove non mancava nessun tipo di sostanza stupefacente: durante le operazioni una insospettabile casalinga di 34 anni è finita in manette. L'operazioni di controllo sono state eseguite tra la casa della casalinga nel centro di Caivano ed il Parco Verde.

Il supermarket dello stupefacente a trecentosessanta gradi. Siamo tra il Parco Verde di Caivano, ed il centro storico. Zone queste, ritenute le prime piazze dello spaccio degli stupefacenti della Campania. Qui si trova di tutto: dalla cocaina ed eroina, fino a passare al Cobret, hashish, Marijuana, ed altro che riguarda il mondo della droga. Stavolta però, oltre alle normali piazze di spaccio, i carabinieri di Castello di Cisterna, hanno scovato migliaia di dosi nella camera da letto di una casalinga e droga nascosta nel vano di un ascensore. Nel cassettone in camera da letto della casalinga incensurata del entro di Caivano c’erano quasi 3.00 dosi di eroina e crack. A poca distanza droga di tutti i tipi: dalla cocaina al crack, dall’hashish alla marijuana tenuti nascosti ma a portata di mano in un vano ricavato abusivamente nella cabina motori dell’ascensore di uno degli edifici del “Parco Verde”. L’arresto della insospettabile e la scoperta del nascondiglio è opera dei carabinieri del nucleo investigativo di castello di cisterna durante servizi contro lo spaccio riconducibile ai clan camorristici operanti a Caivano e nei paesi vicini. A finire in manette Nunzia Caruso, una 34enne incensurata di del posto dove nel corso di perquisizione domiciliare i militari dell’arma hanno rinvenuto e sequestrato nella sua cassettiera 2.650 dosi di eroina (2.720 grammi) e 150 dosi di crack (80 grammi). Un vero e proprio deposito pronto a finire sul mercato. Inoltre le perquisizioni per blocchi di edifici sono state eseguite anche nel vicino “parco verde" trovando nella cabina motore dell’ascensore dell’isolato “b2” un nascondiglio con vari tipi di droga in attesa di smercio al dettaglio. C’erano 6 panetti di hashish (600 grammi), 62 grammi di cocaina in dosi, 35 grammi di crack e 10 grammi di Marijuana.

Francesco Celardo

Categoria: