Il caso

Afragola, a rischio la gara di appalto per la costruzione dei loculi cimiteriali. L'opposizione: "Tuccillo pensa a tagliare i nastri"

L'ex responsabile del procedimento, aveva inviato una lettera al dirigente Napolitano per riformare la gara dei loculi alla nuova legislazione vigente per evitare un possibile stallo. Nella gara attuale, mancherebbe anche il ribasso del costo del personale. Per l'opposizione "Tuccillo pensa solo all'alta velocità ed a tagliare nastri".

A rischio la gara dei loculi al cimitero. Secondo quando sarebbe emersa da una lettera inviata dall'ex responsabile del procedimento in merito alla costruzione dei 456 loculi del cimitero, (tanto voluti dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Tuccillo,) il quale avvisava al dirigente dell'edilizia cimiteriale che, nella gara, non vi è stato il ribasso del costo della manodopera, facendo riferimento alla vecchia legge, cioè la 163/2006, il rischio che possa saltare tutto generando ancora di più tempi ed attese per un problema mai risolto, potrebbe essere molto concreto. Infatti, con la nuova legge, cioè il decreto legge 50 del 2016, la norma prevede espressamente il ribasso del costo del personale, e dunque si doveva riapprovare il progetto, con la validazione dello stesso ai sensi del codice vigente. Il precedente responsabile, aveva comunicato l'anomalia al dirigente competente, cioè Giovanni Napolitano, ed all'ufficio gare e contratti, ma nulla è successo. Infatti, con le anomalie rilevate, secondo i beni informati, si doveva sospendere le procedure di gara in corso, e rifare tutto daccapo come prevede la nuova legge. Ma niente di tutto questo è stato fatto. La gara ancora deve iniziare ma questa anomalia in merito a quanto evidenziato dal vecchio responsabile del procedimento, avvisando che le regole sono cambiate, pare che non venga compresa da nessuno. Poi, chi ha evidenziato tutto questo, cioè chiedendo pure di annullare la gara, ha chiesto pure che, siccome la procedura è molto delicata, di fare in modo che sulla questione, vegli il segretario comunale Fulvio Genchi, quale garante dell'anticorruzione, per fare in modo che il tutto sia in linea con la nuova legge, evitando che la gara possa essere invalidata. E su questa particolare situazione che coinvolge il già tanto disastrato cimitero comunale, ne ha parlato l'opposizione con Antonio Pannone “Con Tuccillo, Afragola vive da ormai quattro anni un colossale flop amministrativo. Sono saltate tutte le regole e, pur di non ammettere le figuracce che si susseguono, il sindaco e i suoi sodali impongono di nascondere la polvere sotto il tappeto. Nel settore dei servizi cimiteriali regnano anarchia e dilettantismo. Solo poche settimane fa c'è stato il sequestro di un'area dove venivano raccolti illecitamente rifiuti. Poi sono arrivati carabinieri per le indagini sulle ipotesi di ampliamento e sulla questione delle lampade votive. Ora Tuccillo vuol far credere che dopo anni di fallimento, intende costruire nuovi loculi, ma insieme al suo assessore ha la grave responsabilità di non saper garantire neppure il rispetto della legge per definire procedure e bandi che siano decenti. E' troppo confuso perché pensa solo al taglio del nastro della stazione, trascurando la città che ormai ha capito di essere senza guida politica e amministrativa. Tuccillo non ha argomenti e non ha nessuna freccia al suo arco: tenta solo di fare qualche spot e si illude, in questo modo, di poter ancora prendere in giro gli afragolesi, che hanno ben compreso quanto Tuccillo sia responsabile del degrado che invade la nostra città. 4 anni di vuoto programmatico e operativo hanno determinato un notevole ritardo rispetto ai progetti delle opere di supporto infrastrutturale connesse alla realizzazione della stazione dell'alta velocità.”

Francesco Celardo

Categoria: