L'intervista

Afragola, stazione Alta Velocità. L'esperto Spizuoco: "la stazione senza collaudo non poteva aprire".

Secondo l'ingegnere Spizuoco, senza un collaudo generale, la stazione non poteva aprire. Poi, per quanto riguarda il parcheggio, dovrebbe rispettare il decreto 1444/68, in merito alla compensazione delle aree di parcheggio tra quelle a pagamento e quelle gratuite.

Stazione Alta Velocità di Afragola: mistero sulle autorizzazioni. Uno dei nodi da sciogliere che la Procura di Napoli Nord vuole vederci chiaro, oltre alla questione ambientale è anche quella inerente alle autorizzazioni concesse oppure no per aprire al pubblico la stazione, soprattutto sotto l'aspetto della sicurezza dei viaggiatori. Quello che trapela dai beni informati, è che allo stato dei fatti non ci sarebbe nessun collaudo della struttura.
È quindi cosa dicono le norme in questo caso?

A rispondere è l'ing. Angelo Spizuoco strutturista e collaudatore di strutture pubbliche anche per conto della Regione Campania.

Ingegnere, la stazione di Afragola che struttura è pubblica o privata?

Questa è una struttura ad uso pubblico.

A quali norme specifiche deve fare riferimento?

Deve fare riferimento alla normativa antisismica con un capitolo a parte più specifico che riguarda le ferrovie.

Può essere più specifico?

per essere aperta al pubblico, oltre a rispettare tutte le norme della staticità del manufatto, devono essere verificate che siano idonee le vie di fuga, predisposte per il flusso degli utenti. In breve in caso di terremoto o un attentato ferroviario, le persone vengono prese dal panico e devono essere in grado di fuoriuscire dalla stazione in modo agevole e senza ulteriori incidenti.

È possibile che può essere aperta al pubblico senza antincendio e senza riciclo dell'aria?

Senza antincendio no. Senza aria condizionata si, purché sia assicurato un riciclo di aria naturale.

Ed il collaudo ?
Per aprire ci volevano i collaudo statico e quello tecnico amministrativo. Senza questi non si apre. Fermo restante che per un opera di questo tipo, è opportuno una commissione di collaudo formata da almeno 3 specialisti di cui uno può essere anche un magistrato. Detto ciò, vi possono essere anche dei collaudi per settori, cioè impianto elettrico, sicurezza, ma ci vuole un collaudo generale che racchiude tutti i collaudi di ogni settore.

Il collaudo e l'agibilità chi la deve rilasciare?

Prima la competenza era del comune dove risiede l'opera, adesso invece da Gennaio 2017, è stesso un tecnico di Rete Ferroviaria Italiana che può rilasciarlo oppure un terzo ingegnere. Sempre però, se sono state rispettate tutte le procedure tecnico ed amministrative.

Quindi infine, una struttura ad uso pubblico ad alta frequentazione come questa, senza un collaudo non era possibile aprirla al pubblico?

No assolutamente. E vietato dalla legge.

E sulla questione dei parcheggi vige la compensazione tra quello a pagamento e quello non a pagamento rispettato nel D.M 1444/68?

Di norma si. E se non c'è è l'attività è molto dubbia.

Francesco Celardo