La molestia
I fatti risalgono all'inizio dell'anno scorso, e continuati pure a Settembre, quando la tredicenne dagli studi dell'obbligo, passa al liceo. Entrando per quello che è consentito raccontare per come è delicata la questione, il professore avrebbe preso seriamente a cuore la ragazza,...
Articolo di:
Francesco Celardo
L'operazione della Procura
Antonio Landieri, fu ucciso in un agguato il 6 Novembre del 2004 da un commando composto da killer che facevano parte degli scissionisti di Secondigliano. Il disabile, totalmente estraneo agli ambienti vicini alla malavita organizzata, fu riconosciuto vittima di Camorra. Le indagini, durate 12 anni...
Articolo di:
Francesco Celardo
Il fatto
Crollato una parte del tetto dove è situato il centralino. Il poliziotto è salvo per miracolo. Per il segretario provinciale del Sap di Napoli Della Vecchia ""Più volte è stato segnalato il precario stato degli Uffici della Città e Provincia per la scarsa,se non addirittura inesistente...
Articolo di:
Francesco Celardo
L'operazione dei carabinieri
Un partita di droga non pagata, scatena ritorsioni. E' quanto hanno scoperto i carabinieri della stazione Vomero-Arenella, che hanno tratto in arresto Franco Cimmino 29 anni residente nel quartiere di Salvator Rosa, e Stefano Basile, 35 anni del quartiere Vomero, entrambi volti noti alle forze...
Articolo di:
Francesco Celardo
L'operazione della Procura
Un lavoro di intelligence locale svolto con maestria dagli uomini della squadra Mobile di Napoli, e del commissariato Stella. Decisive per chiudere il cerchio delle indagini le dichiarazioni del boss Carlo Lo Russo. Il gruppo proveniva da Miano. Il Procuratore capo di Napoli Colangelo: "...
Articolo di:
Francesco Celardo
La condanna
Condannati chi deteneva i due quadri di Vincent Van Gogh, cioè Raffaele Imperiale e Mario Cerrone broker della cocaina di Secondigliano con la passione delle opere d'arte. Soddisfatto il direttore del museo olandese il quale promette: a Capodimonte le tele.
Articolo di:
Francesco Celardo
L'operazione della Procura di Napoli
Un lavoro di intelligence locale svolto con maestria dagli uomini della squadra Mobile di Napoli, e del commissariato Stella. Decisive per chiudere il cerchio delle indagini le dichiarazioni del boss Carlo Lo Russo. Il gruppo proveniva da Miano.
Articolo di:
Francesco Celardo
Il disagio
La strada è stata chiusa una settimana fa quando cadde un tetto di lamierato coibentato di 40 metri quadrati che è venuto giù dal secondo piano, (da una altezza pari a 15 metri) finito direttamente sul mano stradale, e che per poco non poteva procurare una tragedia. I residenti: quando riaprirà...
Articolo di:
Francesco Celardo
Il caso
Il luogotenente, nel 2009, quando era ancora in servizio, mette le mani su una situazione molto particolare nella sua amata città ,Eboli, che tocca interessi appartenenti al mondo della sanità privata. Un centro di riabilitazione finito sotto indagine dallo stesso luogotenente quando era in...
Articolo di:
Francesco Celardo
L'accertamento della finanza
Ad insospettire gli investigatori di Capodichino, è l'atteggiamento nervoso del cittadino nigeriano intollerante ai controlli. Nella valigia prodotti che contenevano sostanze chimiche come la "Caro White e Carotone" vietate dalla comunità europea poiché dannose per la persona.
Articolo di:
Francesco Celardo
L'operazione dei carabinieri
La scoperta, è stata fatta grazie ad un cittadino Torrese, il quale ha notato l'autista dell'autoarticolato in panne. In pratica non sapeva che fare. intervengono i carabinieri è scoprono l'ingente quantitativo di droga presente nel cassone.
Articolo di:
Francesco Celardo
La vendetta
Uno degli aggrediti è stato ricoverato a villa dei fiori di Acerra per frattura lacero contusa con parziale amputazione del quinto dito della mano destra, il fratello, per una ferita alla parete addominale guaribile in 7 giorni.
Articolo di:
Francesco Celardo

Pagine

Abbonamento a Cronaca